Italia: OK ad altri 14mila immigrati, decreto del presidente del consiglio

1 dic – Dal 7 dicembre al 30 giugno 2013 sarà possibile inviare al sito Internet del ministero dell’Interno, e quindi solo per via telematica, le domande relative alla procedura per i ‘Flussi d’ingresso dei lavoratori non comunitari per lavoro non stagionale nel territorio dello Stato per l’anno 2012’. La quota complessiva di ingressi, stabilita dal decreto del presidente del Consiglio, è di 13.850 unità.

“Di queste quote – chiariscono al Viminale – duemila sono per lavoro autonomo, riservate a cittadini stranieri residenti all’estero, mentre cento sono per motivi di lavoro subordinato non stagionale e per motivi di lavoro autonomo riservate a lavoratori di origine italiana per parte di almeno uno dei genitori fino al terzo grado di linea diretta di ascendenza, residenti in Argentina, Uruguay, Venezuela e Brasile.

Queste 2.100 unità si aggiungono alla quota di 4mila ingressi di cittadini stranieri che abbiano completato i programmi di formazione e di istruzione nel Paese di origine, quota già prevista, con il decreto del presidente del Consiglio dei ministri 13 marzo 2012”. Le altre 11.750 quote, viene precisato sul sito del ministero, saranno riservate alle “autorizzazioni alla conversione in permessi di soggiorno per lavoro autonomo e subordinato di altre tipologie di permesso”.

Condividi