Fmi: nel 2017 lo spread costera’ a Italia il 14% delle entrate fiscali

10 ott – Per ripagare gli interessi che peseranno sul debito pubblico, nel 2017 l’Italia dovra’ spendere il 14 per cento di tutte le sue entrate fiscali, ma se gli spread dovessero tornare ad aumentare il costo degli interessi salirebbe al 18 per cento.

Lo scrive nel suo Global financial stability report il Fondo monetario internazionale. asca

Condividi