Terremoto Emilia: “100 Emendamenti e tre proposte di grande impatto per i territori colpiti”

ROMA 2 LUG – Presentati oltre cento emendamenti al decreto terremoto e tre proposte di grande impatto: costituzione di una ‘no tax area’ per cinque anni, utilizzo delle risorse della cosiddetta legge mancia pari a 150 mln di Euro, creazione di una zona a burocrazia zero”.

Mette sul tavolo un vero e proprio ‘pacchetto’ di proposte l’On. Isabella Bertolini, Vicepresidente dei Deputati Pdl nel corso di una conferenza stampa svoltasi a Modena insieme al Consigliere regionale Andrea Leoni e al Capogruppo Pdl in Provincia di Modena Dante Mazzi.

“Si parla di circa 5 miliardi di danni – inizia l’On. Bertolini – e il decreto ne prevede 2 miliardi e mezzo in tre anni. Quindi c’è ancora tanto da fare.

Partiamo dalla nostra prima proposta. già formulata nei primi giorni dopo il sisma: serve la no tax area. A parole sono tutti favorevoli, ma nei fatti non se ne fa nulla. È necessario l’assenso della Commissione Europea. La palla ora è in mano alla Regione e al Governatore Errani. A tal proposito il Consigliere regionale Andrea Leoni ha presentato una mozione per impegnare la Giunta regionale a chiedere l’avvio della procedura. Faremo l0 stesso con una mozione in Provincia del Capogruppo Dante Mazzi. Ci sono poi risorse subito disponibili come quelle della cosiddetta legge mancia. Si parla di 150 milioni di euro.

Infine è necessaria la creazione di una ‘zona a burocrazia zero’ (prevista dalla legge di stabilità n. 183 del 12/11/2011) Si tratta di un’area – spiega la Parlamentare – in cui il peso della burocrazia viene annullato per un determinato periodo di tempo, così da incentivare la ripresa economica.

Tre proposte quindi di grande peso e spessore alle quali devono essere aggiunti gli oltre 100 emendamenti al decreto, formulati in accordo con le Associazioni ed il territorio.

Si va dalla richiesta di ridimensionamento al patto di stabilità allo spostamento degli obblighi tributari al 30 giugno 2013, dalla sospensione anche delle sanzioni sui tributi locali oltre che a quelli nazionali ad una migliore definizione delle regole per lo smaltimento dei materiali derivanti dal crollo degli immobili, fino alla semplificazione delle norme per la messa in sicurezza degli edifici.

Un grande lavoro di ascolto e confronto, che ha consentito di poter presentare modifiche e correzioni in diverse direzioni.

Voglio poi ricordare che – continua l’On. Bertolini – con un mio emendamento alla Camera dei Deputati avevo chiesto e ottenuto che i soldi destinati come rimborso ai partiti fossero devoluti alle zone terremotate. Ad oggi però siamo ancora in attesa del voto del Senato. Mi aspetto in tempi brevissimi buone notizie. Non dare quei soldi ai terremotati sarebbe una vergogna nazionale.

Infine chiediamo che sia creato un coordinamento di controllo e di informazione da parte delle Istituzioni. Visto che il terremoto non ha un colore politico e che vogliamo remare tutti dalla stessa parte, ossia nell’interesse delle popolazioni e dei territori colpiti, siamo stupiti che ad oggi il Presidente Errani (Commissario straordinario) non abbia ancora riunito i Parlamentari eletti nelle province colpite, anche in vista della votazione del decreto, per riuscire a ‘far pesare’ al massimo a Roma le richieste della nostra gente.

L’aiuto all’emergenza si realizza all’interno delle Istituzioni, ma anche con iniziative di solidarietà come la cena di stasera, organizzata dagli amici di Valori e Libertà nel PdL, a Pavullo, il cui ricavato sarà interamente devoluto alle popolazioni terremotate”.

 

Condividi