Roma: calci e pugni alla convivente per gelosia, arrestato romeno

23 gen. – I carabinieri della stazione Roma Monte Mario sono intervenuti la scorsa notte in un’abitazione di via Agostino Datti, a Roma, e hanno arrestato un 33enne romeno responsabile di aver aggredito, con calci e pugni, la propria convivente, sua connazionale. La lite scaturita tra la coppia e’ stata l’ultima di una lunga serie, durante le quali la donna ha sempre subito violenze senza mai denunciarle per paura di ritorsioni. Il motivo sempre lo stesso: la gelosia dell’uomo.

Erano circa le 3 quando, durante l’aggressione, la donna e’ riuscita a sfuggire al suo compagno e si e’ rinchiusa in una stanza dell’appartamento. Da li’ ha chiesto aiuto telefonando ad una sua amica che ha avvisato i carabinieri. I militari sono immediatamente intervenuti ed hanno bloccato l’uomo che ha anche tentato di fuggire strattonando i carabinieri.

Processato, ieri mattina, con il giudizio per direttissima, l’arrestato e’ stato condannato ed 1 anno e 8 mesi di reclusione ed ora si trova ristretto presso il carcere di Regina Coeli. La donna, invece, e’ ricoverata presso il policlinico Gemelli per le ferite riportate, non in pericolo di vita. (Adnkronos)

Condividi