Coronavirus, ora la Cina accusa l’Ecuador: tracce sui gamberetti

Tracce di coronavirus su confezioni di gamberetti congelati importati dall’Ecuador. E’ il nuovo allarme che arriva dalla Cina, primo Paese al mondo a fare i conti con il Covid-19. La denuncia è delle autorità doganali (Gac) e il gigante asiatico, riportano i media ufficiali, ha sospeso le importazioni dei prodotti di tre aziende dell’Ecuador.

Secondo l’Amministrazione generale delle dogane, riporta la Cgtn, tracce di coronavirus sono state trovate su tre confezioni di gamberetti surgelati importati il 3 luglio, ma sono risultati negativi i controlli sul pesce e all’interno delle confezioni. Il mese scorso, dopo la scoperta del nuovo focolaio in mercato all’ingrosso di Pechino, finì inizialmente sul banco degli imputati il salmone importato dall’Europa. adnk

Coronavirus a Pechino, la Cina accusa l’Europa: colpa del salmone

Condividi