Migranti, Cirinnà (Pd): penso a chi fugge a causa del suo orientamento sessuale

Condividi

 

 

“Oggi è la Giornata mondiale del rifugiato. Quest’anno non c’è spazio né per la retorica, né per l’indignazione: è tempo di agire concretamente affinché l’Italia torni ad essere un luogo davvero accogliente per chi fugge da guerre, persecuzioni, intollerabili condizioni di vita. È il tempo del coraggio e della responsabilità, anche per il Partito democratico. Per questo, sono a fianco di chi, nel governo e in Parlamento, sta lottando per ottenere una radicale revisione dei decreti Salvini, perché con la sicurezza non hanno nulla a che fare, a partire dalla reintroduzione, nelle forme più ampie possibili, della protezione umanitaria e di politiche di accoglienza diffuse, degne di questo nome”.

Lo afferma la senatrice Monica Cirinnà, responsabile nazionale Diritti del Pd.



“Penso -aggiunge- ai perseguitati per ragioni politiche, come Patrick Zaki, ancora ingiustamente detenuto in Egitto. E penso, oggi, a chi fugge dal proprio Paese perché perseguitato a causa del proprio orientamento sessuale e della propria identità di genere, e alle donne che vogliono sottrarsi a condizioni di vita indegne. Per loro, oggi, non c’è più protezione in Italia: e questo non possiamo accettarlo. Il nostro Paese ha una grande tradizione di accoglienza, dobbiamo onorarla”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -