Crisi coronavirus, Di Maio: tenuta del Paese a rischio, ma il governo è solido

Condividi

 

“Il rischio che lo stato di tensione registrato nelle aule parlamentari possa allargarsi anche al di fuori del Palazzo c’è. La politica ha il compito ed il dovere di salvaguardare la tenuta del Paese”. Lo ha dichiarato in un’intervista a ‘Il Messaggero’ il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, rispondendo alla domanda se teme per la tenuta del Paese.

Ma per Di Maio, “il governo è solido, pensare di farlo cadere in questo momento sarebbe folle. Non è un’opzione nemmeno il rimpasto di cui qualcuno parla. Bisogna piuttosto lavorare per dare risposte al Paese”, spiega, parlando del futuro del governo alla luce delle recenti mozioni per sfiduciare il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede.



“Solo in Italia si parla di far cadere il governo nel bel mezzo di una pandemia e lo trovo assurdo – ha sottolineato Di Maio – Per quanto riguarda le prerogative costituzionali non sono certo opinabili, anzi sono ben chiare, non esistono automatismi”. A proposito dell’ex governatore della Bce, Mario Draghi, il titolare della Farnesina ha risposto che è “una persona autorevole, il cui nome è usato per fare polemica politica, tutto qua”.



   

 

 

Lascia un commento

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -