Caserta, migrante calpesta bandiera italiana e morde i carabinieri

di Federico Garau – Grave episodio di oltraggio nei confronti del nostro Paese andato in scena durante la giornata di ieri a Casapesenna, Comune della provincia di Caserta, a cui hanno poi fatto seguito una serie di episodi di aggressione commessi dal medesimo individuo, totalmente fuori controllo. I fatti si sono svolti, per la precisione, durante la mattinata di ieri, lunedì 30 marzo, tra piazza Agostino Petrillo e via Alcide De Gasperi. Come riferito dalla stampa locale, a rendersi protagonista del gesto e delle successive violenze gratuite sarebbe stato un individuo di origini africane proveniente probabilmente dalla Spagna. L’uomo, raggiunto il monumento dedicato al Milite ignoto, ha infatti rimosso la bandiera italiana poi, dopo averla gettata a terra, l’ha calpestata.

Una situazione che non è passata inosservata, tanto che un uomo originario del posto ha rimproverato l’extracomunitario per quanto fatto, scatenando immediatamente la sua furiosa reazione. Il residente è stato aggredito e picchiato dall’africano il quale, tuttavia, non aveva ancora finito di dar spettacolo. Sul posto, infatti, sono accorsi alcuni uomini della Protezione civile, nel tentativo di evitare che la situazione potesse ulteriormente degenerare, ma anch’essi sono divenuti un bersaglio dell’africano, tanto da rendere più che necessario un intervento delle forze dell’ordine, subito allertate.

Sul posto si sono precipitati i carabinieri del comando stazione di San Cipriano D’Aversa (Caserta), che hanno raccolto la testimonianza degli uomini della Protezione civile e quindi raggiunto il luogo in cui aveva provato a trovare rifugio l’aggressore dopo una fuga. Con gli uomini dell’Arma davanti a sè, tuttavia, l’atteggiamento dell’africano non è cambiato per nulla, dato che si è scagliato contro di essi prendendoli a morsi e brandendo in loro direzione un paio di forbici ed un coltello.

Vista la foga dello straniero, i militari hanno chiesto dei rinforzi ai colleghi della stazione di Casal Di Principe, che hanno dato un prezioso contributo, dopo esser stati a loro volta aggrediti. Sul posto è giunta un’ambulanza, anche per effettuare un tampone sui carabinieri presi a morsi dall’africano e scongiurare eventuali rischi di contagio da Covid-19.

Dura condanna del responsabile del movimento giovanile Lega Salvini Premier Angelo Ardente: “Apprendo dagli organi di stampa di questo gravissimo episodio accaduto ieri nel nostro paese. Gesto che sicuramente deve essere condannato, ancora più intollerabile in un’epoca come quella attuale caratterizzata già in negativo dall’emergenza sanitaria”, dichiara come riportato da “eCaserta”. “La più assoluta vicinanza va sia ai militari dell’Arma della compagnia di San Cipriano D’Aversa e Casal Di Principe che, una volta intervenuti sul posto, sono stati anche aggrediti dall’individuo in questione, sia alla Protezione Civile di Casapesenna, che in questi giorni di massacrante lavoro di controllo e prevenzione per l’emergenza Covid-19, hanno dovuto far fronte anche a questo spiacevolissimo episodio”, conclude.

www.ilgiornale.it

Condividi