Coronavirus? Commissione UE impegnata nell’allargamento a oriente

Condividi

 

Bruxelles: la riunione odierna della Commissione, svoltasi in videoconferenza (foto SIR/CE)

Aumentare gli scambi, rafforzare la connettività e approfondire l’integrazione economica con Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Repubblica di Moldavia e Ucraina, rafforzando le istituzioni democratiche, lo stato di diritto, la resilienza ambientale e climatica, sostenendo la trasformazione digitale e promuovendo società eque e inclusive: questi gli obiettivi a lungo termine del Partenariato orientale, secondo una proposta politica presentata oggi dalla Commissione europea e dall’Alto rappresentante Ue per la politica estera.

“La forza dei nostri vicini è anche la forza dell’Ue; il Partenariato orientale resta un elemento cruciale della politica estera”, ha commentato l’Alto rappresentante Josep Borrell. Le proposte dovrebbero servire a rafforzare i Paesi partner, nel senso delle “priorità e sfide che condividiamo”, puntando alla “realizzazione di risultati tangibili e positivi per tutti i cittadini”.



La proposta si basa sui 10 anni di esperienza già vissuti e cercherà di coinvolgere l’oriente sulle priorità politiche della Commissione von der Leyen: la trasformazione ecologica, la trasformazione digitale ed economie che funzionino per tutti, con attenzione ai giovani e all’uguaglianza di genere. La proposta della Commissione sarà sottoposta al vertice del Partenariato orientale previsto per il giugno 2020.  AGENSIR

pdre fondatore UE



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -