Coronavirus, stop colloqui in carcere: rivolta a Salerno, detenuti sul tetto

Momenti di tensione nel carcere di Salerno-Fuorni a causa di una rivolta inscenata da circa 200 detenuti. La protesta è scoppiata dopo l’annuncio della sospensione dei colloqui per l’emergenza coronavirus. Gli agenti della polizia penitenziaria sono intervenuti per domare la rivolta. I detenuti si sono armati di spranghe di ferro e, dopo aver divelto le inferriate dei finestroni, sono saliti sui tetti. tgcom24.it

 

Condividi