Emilia Romagna, arroganza di Bonaccini: non ho un’avversaria

Condividi

 

“E’ una campagna elettorale surreale perché non ho un avversario, la Borgonzoni è stata completamente sostituita da Salvini ma lui è un ospite, dal 27 gennaio qui non lo vedrà più nessuno, invece questa è casa mia“, parole del governatore e candidato per il centrosinistra alla guida dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini a “Fatti e Misfatti” di Paolo Liguori.

“Trovo poco rispettoso nei confronti degli emiliani – aggiunge – che questa campagna sia spostata tutta sul nazionale, senza parlare di programmi e di misure necessarie per la regione. Non credo che il voto del 26 gennaio possa influenzare il governo Conte. Sto cercando di fare una campagna che parli a tutti, anche perché gli elettori sulla scheda non trovano il nome di Salvini o Zingaretti, ma il mio e quella della Bergonzoni”.



Per Bonaccini, inoltre, è “poco dignitoso che si candidi una donna e poi la si cancelli dalla campagna”. E ancora: “Avrei voluto più confronti pubblici con lei – dice – ma li ha rifiutati”.

Infine, una considerazione sulle sardine: “Non sono mai andato in nessuna piazza, nemmeno in quella di ieri (Bologna, ndr) per non strumentalizzare – spiega Bonaccini – ma questo movimento ci insegna due cose. La prima è che le piazze non le riempiva solo Salvini, la seconda è che c’è molta più gente di quanto si pensasse a non volere una politica urlata”.  tgcom24.mediaset.it

Seguiteci sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/imolaoggi


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -