Nigeria: a Natale lo Stato islamico ha ucciso 11 ostaggi, quasi tutti cristiani

La Provincia dell’Africa occidentale dello Stato islamico (ISWAP) ha pubblicato un video in cui è mostrato l’assassinio di 11 prigionieri, la maggior parte dei quali cristiani, nel giorno di Natale. www.pulse.ng

I terroristi hanno affermato che i prigionieri sono stati uccisi per vendicare la morte dei loro leader in Siria, aggiungendo che anche l’Associazione cristiana della Nigeria non è riuscita a negoziare il loro rilascio.

In un recente video pubblicato dal reporter di conflitti e terrorismo, Ahmad Salkida, sono stati mostrati i 13 prigionieri che imploravano il presidente Muhammadu Buhari e la guida dell’Associazione cristiana della Nigeria di venire in loro soccorso. Secondo Salkida, dieci delle vittime nel video sono cristiane mentre le restanti tre sono musulmane.

Nel video dell’esecuzione rilasciato da ISWAP, i terroristi affermano di aver risparmiato la vita di due persone su 13 apparse nel video precedente. I due, le cui vite sono state risparmiate, sono musulmani mentre altri, la maggior parte dei quali cristiani, sono stati giustiziati.

Spiegando il motivo dell’esecuzione, ISWAP ha dichiarato: “li abbiamo uccisi come per vendetta dopo le uccisioni dei nostri leader, tra cui Abu Bakr al-Baghdadi e Abul-Hasan Al-Muhajir in Iraq e Siria”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha criticato il governo federale e i nigeriani per le uccisioni dei civili. In una dichiarazione del suo portavoce Stephane Dujarric, mercoledì 25 dicembre 2019, Guterres ha espresso le sue più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime.

“Il segretario generale è profondamente preoccupato per le notizie secondo cui alcuni civili sono stati giustiziati e altri rapiti da un gruppo armato nello stato settentrionale del Borno, nel nord-est della Nigeria. Ha espresso le sue più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime e ribadisce la solidarietà delle Nazioni Unite con il popolo e il governo della Nigeria “.

Ricordiamo che l’ISWAP ha recentemente giustiziato tutti gli operatori umanitari di Action Against Hunger rapiti a luglio 2019.

Il gruppo terroristico ha affermato che l’esecuzione degli operatori umanitari è stata il risultato dell’insincerità del governo federale e del mancato rispetto delle scadenze.

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi