Reggio Emilia: presepe con i giubbotti dei “migranti”

BOLOGNA, 24 DIC – Un presepe fatto con i giubbotti salvagente usati dai migranti a Lampedusa. Lo ha allestito la parrocchia di Pratofontana, a Reggio Emilia.
I giubbotti, come racconta la Gazzetta di Reggio, sono arrivati in città grazie all’impegno di una donna del luogo e la parrocchia li ha chiesti per trasformarli in un un presepe diverso dal solito, allestito dentro la Chiesa, proprio per ricordare quanto accade nel Mediterraneo.

L’iniziativa ha preso le mosse da una frase del vescovo Massimo Camisasca, durante una visita ai senzatetto dell’area delle ex officine Reggiane, una zona da tempo al centro dell’attenzione e delle polemiche, e riportata nel presepe: “Portate voi la luce di Dio a questa Europa che, di Dio, si è dimenticata”. ANSA

Condividi