La Corte dell’Aja vuole processare Israele “per crimini di guerra”

Condividi

 

La procuratrice capo della Corte penale internazionale (Cpi) con sede all’Aja, Fatou Bensouda, una giurista gambiana, ha annunciato di avere aperto un’inchiesta “per crimini di guerra” nei territori palestinesi. “Sono convinta che vi sia una base ragionevole per avviare un’indagine sulla situazione in Palestina ai sensi dell’articolo 53-1 dello Statuto”, ha scritto. “In sintesi, sono convinta che crimini di guerra sono stati o vengono commessi in Cisgiordania, in particolare a Gerusalemme est, e nella Striscia di Gaza“.

(ANSAmed) – TEL AVIV, 20 DIC – La decisione del procuratore della Corte Penale Internazionale (Cpi), Fatou Bensouda, è “un giorno nero per la verità e la giustizia”. Lo ha detto il premier israeliano Benyamin Netanyahu, secondo cui è “una decisione senza basi e oltraggiosa”. Una mossa che “ignora la storia e la verità quando sostiene che l’atto stesso che gli ebrei vivano nella loro patria ancestrale, la terra della Bibbia, sia un crimine di guerra”. Netanyahu ha ribadito che “la Palestina non è mai stata uno Stato”. “Non rimarremo in silenzio”, ha concluso.

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Diffamazioni a ImolaOggi
Armando Manocchia risponde
ai professionisti della mistificazione


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -