Tentò di investire la figlia che viveva ‘all’Occidentale’, marocchino condannato a 10 anni

Condividi

 

VERCELLI, 12 DIC – E’ stato condannato a 10 anni di carcere El Mustafa Hayan, il marocchino di 53 anni che il 15 marzo scorso tentò di investire la figlia di 20 anni, Miriam, a Livorno Ferraris (Vercelli) per la sua voglia di indipendenza e la volontà di vivere all’italiana. La sentenza è stata letta questa mattina dal giudice del tribunale di Vercelli. L’accusa aveva chiesto una condanna a 13 anni per l’uomo, definito “padre padrone, che reagiva in modo spropositato durante i litigi con la figlia”.

L’uomo era accusato di tentato omicidio e maltrattamenti. Nelle precedenti udienze si era difeso sostenendo che non aveva alcuna intenzione di investire la figlia, né tanto meno di frenare la sua intraprendenza e la sua voglia di autonomia, ma solo di fermarla per chiedere dove stesse andando.

“La sentenza è molto severa, ma comunque inferiore alla richiesta del pm – affermano i difensori di Hayan, gli avvocati Fabio Merlo e Andrea Fontana -; attendiamo di leggere le motivazioni ma sicuramente faremo appello”. ANSA

Seguiteci sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/imolaoggi

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -