M5s, iscritti votano e rifiutano la diserzione alle regionali

Condividi

 

E adesso pover’uomo, come fa Di Maio a dirlo a Zingaretti? Sperava di essere tirato fuori dalle sue responsabilità dal voto degli iscritti alla piattaforma Rousseau. Ma gli hanno risposto che le liste alle regionali vanno presentate. I Cinquestelle dovranno correre da soli sia in Calabria che in Emilia Romagna. Una botta clamorosa e a sorpresa sia per Di Maio che per Zingaretti. I sì sono stati 8.025 corrispondenti al 29,4% dei votanti. I no sono stati 19.248 Corrispondenti al 70,6%. Sono state espresse 27.273 preferenze su un totale di 125.018 aventi diritto al voto. La votazione è stata certificata dal notaio che ne ha garantito la regolarità.

Appreso il risultato, il capo politico dei pentastellati ha finto di gioire in una nota su Facebook: “Dobbiamo essere tutti felici del risultato della votazione di oggi. Era necessario fare questo voto perché in tanti, anche persone che hanno fatto la storia del MoVimento, mi hanno espresso i loro dubbi sulla partecipazione al voto in questo momento storico e c’erano tanti strani retroscena sui giornali. Per questo abbiamo deciso, anche con Beppe, di lasciare questa decisione a tutti gli iscritti, che ci hanno dato un mandato chiaro e fortissimo: dobbiamo partecipare alle elezioni regionali con tutte le nostre forze. Ed è quello che faremo”.



Di Maio ora chiede aiuto – Niente “pausa” dunque il 26 gennaio: “In Emilia Romagna e in Calabria ci presenteremo e i parlamentari e i consiglieri regionali mi hanno chiesto di correre da soli. Alcuni avevano espresso delle perplessità e anche contrarietà rispetto a votare sulla nostra piattaforma. Ma noi siamo il MoVimento 5 Stelle e questo è quello che facciamo quando dobbiamo prendere una decisione importante”, continua Di Maio. “Adesso, con questo segnale forte da parte dei nostri iscritti c’è solo una cosa da fare: mettersi pancia a terra e dare il massimo per queste due regioni. Tutti i nostri parlamentari nazionali ed europei, tutti i nostri consiglieri regionali e comunali hanno il dovere di dedicare ogni minuto libero, della settimana e del week end, alla Calabria e all’Emilia Romagna”.

Conte già piange.

secoloditalia.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -