GB, dice «Solo le donne partoriscono». Costretta a dimettersi

Condividi

 

A che punto è la post-realtà? Chiedetelo a Lynsey McCarthy-Calvert, che a 45 anni è stata costretta a dimettersi da portavoce di Doula Uk, l’associazione nazionale inglese delle moderne levatrici, o assistenti materne, che rivendicano una storia millenaria nel sostenere le donne dalla gravidanza ai primi mesi di vita del bambino. Ebbene qualche mese fa Lynsey McCarthy-Calvert, che di figli ne ha quattro e di mamme e bambini come “doula” ne ha seguiti a centinaia, ha scritto un post su Facebook:

«Non sono una persona che “possiede una cervice uterina”. Non sono un “menstruator”. Non sono un “feeling”. Non sono definita da un vestito e un rossetto. Sono una donna: una femmina, umana, adulta. Le donne fanno nascere tutte le persone, costituiscono la metà della popolazione, ma meno di un terzo dei seggi alla Camera dei Comuni sono occupati da noi».

«NON SI NASCE SOLO DALLE DONNE»

Apriti cielo: aizzata dalle immancabili squadre di attivisti per i diritti transgender l’associazione ha concluso che sul social McCarthy-Calvert, avesse violato tutte le linee guida possibili e immaginabili sulla parità e la diversità. E per questo avrebbe dovuto fare pubblica ammenda, cioè cancellare il post, pena la sospensione dal servizio. Ma per aver fatto cosa, per aver lamentato la scarsità di donne al Parlamento? No, come scrivono i commentatori che l’hanno bullizzata, insultata, segnalata, bersagliata sul social per il suo «linguaggio assolutamente disgustoso», «sembra che tu ti stia dimenticando che non solo le donne mettono al mondo bambini».

ANCHE GLI UOMINI HANNO LE MESTRUAZIONI

L’uscita di McCarthy-Calvert avviene in un momento in cui la Cancer Research Uk, associazione inglese per la ricerca sul cancro, ha eliminato la parola “donne” dalla campagna per il pap test, screening importante «per ogni persona con la cervice tra i 25 e i 64 anni». La Bloody Good Period, nata per rifornire di assorbenti chi non può permetterseli, non parla di “donne” ma di “menstruator”. L’amministrazione di Brighton e Hove ha deciso che nelle scuole del distretto gli alunni dovranno imparare che le mestruazioni non riguardano le “donne” ma “all genders”. Upfield, proprietario del marchio di margarina Flora, ha interrotto la sua collaborazione con il portale Mumsnet dopo che Vice ha definito la rete di genitori che fin dal 2000 partecipa ai dibattiti – e a campagne come Let Girls Be Girls o Let Toys Be Toys contro la “sessualizzazione” dei bambini – un «focolaio tossico di transfobia».

NON ESISTONO MAMME MA PERSONE INCINTE

Procter & Gamble ha rimosso il simbolo di Venere dagli involucri di assorbenti igienici a marchio Always per includere i clienti che mestruano ma non si identificano come “donne”. Mastercard ha annunciato che consentirà alle persone transgender e non binarie di utilizzare il nome che riflette la loro «vera identità», piuttosto che quello legale, su carte di credito, debito e prepagate. Lyft, società americana di ride-share che da tempo si dice pronta a sbarcare nel Regno Unito, ha arricchito la sua app di una funzione che permette di scegliere tra una «gamma di pronomi opzionali» (come “He/Him/His,” “They/Them/Theirs,” “il mio pronome non è presente in lista,” o “preferisco non dirlo”). E la British Medical Association ha indicato a tutti i suoi 160 mila membri che lavorano in privato e negli ospedali del Regno Unito di non chiamare mai più una donna incinta “futura mamma” con la motivazione ufficiale: «La grande maggioranza delle persone che sono incinte o che hanno partorito si identificano come donne. Tuttavia, ci sono alcuni uomini intersex e uomini trans che possono essere gravidi. È possibile includere gli uomini intersex e gli uomini trans che possono essere gravidi chiamandoli “persone incinte”». […]

Leggi il seguito su TEMPI.IT »

Necrologio dell’Occidente, un mondo falso basato sulle bugie

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Diffamazioni a ImolaOggi
Armando Manocchia risponde
ai professionisti della mistificazione


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -