Calci e pugni agli agenti, “siete razzisti, vi ammazzo”. Espulso nigeriano

Condividi

 

ANCONA, 21 OTT – Un nigeriano di 25 anni sprovvisto del biglietto del bus si rifiuta di scendere dal mezzo pubblico e poi aggredisce a calci e pugni gli agenti della Squadra Volanti chiamati dall’autista. E’ accaduto in piazza Rosselli vicino alla stazione ferroviaria di Ancona da dove l’autobus era in partenza per Osimo. Quando i poliziotti gli hanno chiesto all’uomo di mostrare i documenti e il titolo di viaggio, l’uomo ha inveito contro di loro, minacciandoli, e si è aggrappato alle maniglie metalliche del bus per non essere costretto a scendere.

«Siete dei razzisti, vi ammazzo!». E giù calci, pugni e morsi ai poliziotti. Sono riusciti ad ammanettarlo, mentre tentava di mordere la mano di uno degli agenti, che poi si sono fatti medicare al pronto soccorso. Il 25enne, arrivato in Italia nel 2017, è un ex richiedente protezione internazionale a cui la prefettura non ha concesso il permesso di soggiorno

Visto che il 25enne protraeva la sua resistenza violenta, gli agenti sono dovuti ricorrere allo spray al peperoncino (oleoresin capsicum) per bloccarlo e ammanettarlo per l’accusa di minaccia e resistenza a pubblico ufficiale. Il tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto dell’uomo e lo ha rimesso in libertà. Per il nigeriano sono scattate le procedure di espulsione dal territorio italiano.  ANSA

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -