Migranti, sommozzatori Guardia costiera alla ricerca di cadaveri

Condividi

 

Almeno 12 cadaveri del naufragio avvenuto lo scorso 7 ottobre a 6 miglia a sud di Lampedusa sono stati individuati dalla Guardia Costiera nel Canale di Sicilia. La piccola imbarcazione su cui viaggiavano una sessantina di migranti si è inabissata in un tratto di mare dove la profondità è di circa 60 metri.

La Guardia Costiera, che sta proseguendo le ricerche, non esclude la presenza di altri corpi nella zona. Sulla zona sono impegnati i nuclei dei sommozzatori nonché un robot subacqueo che ha ripreso il barchino e diversi cadaveri che potrebbero anche essere sparsi più lontano rispetto al luogo individuato.



Le operazioni di recupero inizieranno nei prossimi giorni e potrebbero durare tre giornate. Sul naufragio, del quale erano già state recuperate 13 salme, tutte di donne, la Procura di Agrigento ha aperto un’inchiesta coordinata dal pm Salvatore Vella. (askanews)



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -