Parroco di Liscate contro la festa dell’Unità: “Poveri pidioti”

Condividi

 

A Milano è tornata la festa dell’Unità. Cominciata il 30 agosto, durerà fino al 15 settembre. Protagonisti, come vuole la tradizione, esponenti del Pd e più in generale della sinistra italiana. Un’occasione di confronto – e di autocelebrazione – per alcuni dei rappresentanti più “in” del Pd milanese e nazionale. Non è un caso che la festa sia stata aperta da Andrea Orlando, vice segretario nazionale del partito. Lunga la lista degli ospiti: Nicola Zingaretti, Paolo Gentiloni, Laura Boldrini, Gianni Cuperlo e molti altri.

Tra gli organizzatori spicca Silvia Roggiani, segretario metropolitano del Pd milanese che da giorni, su Facebook, aggiorna i suoi followers sulle iniziative e gli incontri previsti dal programma della manifestazione. Che, con il passare degli anni, malgrado le smentite di rito, appare sempre meno partecipata. A notarlo anche don Roberto Nolli, parroco di Liscate, che ha commentato con ironia uno degli ultimi post del segretario: “Vedo che e sempre più partecipata. Ah ah ah! Poveri pidioti”, ha scritto il sacerdote.



Uno sfottò che non è andato giù al segretario milanese del Pd: “Cioè ma tu sei un prete, perché sul tuo profilo ti chiamano don, e ci dai dei pidioti? Ma dove siamo finiti? E vedo che sei anche amico di un mio caro compaesano che ha celebrato i funerali di mio padre, don Alessandro Bonura. Ora fotografo e gli mando per chiedere lumi, da quando un prete che dovrebbe dare l’esempio ha tempo di andare a insultare la gente che si impegna per la propria città???? Che vergogna”, la replica sdegnata di Silvia Roggiani.

www.ilgiornale.it

“Avanti popolo alla riscossa!”, alla Festa del Pd non c’è nessuno

 



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -