Irregolare con 5 pagine di precedenti e 6 identità: non puo’ essere espulso

Condividi

 

Milano, 30 luglio 2019 – Ha ben cinque pagine di precedenti, una scarcerazione, un divieto di dimora, e soprattutto sei “alias” – identità fittizie – che rendono molto difficile la sua espulsione. È questo il curriculum di un extracomunitario (presumibilmente gambiano di 33 anni) arrestato il 30 luglio per spaccio dalla polizia milanese in un parco pubblico.

L’uomo, irregolare dal 2016 dopo la scadenza di un permesso di soggiorno ottenuto come richiedente asilo nel 2014, data del suo primo fotosegnalamento a Pozzallo (Ragusa), ha collezionato, tra gli altri, precedenti per spaccio, furto, resistenza a pubblico ufficiale, porto d’armi, ricettazione e lesioni.



Nel 2015 è stato emesso un divieto di dimora da Roma e nel 2017 risulta una sua scarcerazione. L’uomo, che alla fine ha visto rigettato il suo status di rifugiato, al termine dell’iter legislativo non ha potuto rinnovare il permesso di soggiorno e oggi quindi è un irregolare.

Fa lo spacciatore al parco, tanto che gli agenti in bici, ai quali è già noto, lo hanno pizzicato la mattina del 30 luglio, subito dopo che aveva tentato di liberarsi di alcune dosi. Non avendo identità certa, ma una serie di nomi che differiscono sempre solo di qualche lettera, è probabile che non sia stato riconosciuto da alcuno Stato come proprio cittadino e che quindi sia stato impossibile espellerlo, di fatto, perché non c’è un Paese disposto a riceverlo.

Il 30 luglio a Milano ha affrontato il processo per direttissima, dove è stato disposto un nuovo divieto di dimora, questa volta nel capoluogo lombardo. L’uomo ora si trova nelle camere di sicurezza in attesa che l’Ufficio immigrazione della questura provi a organizzare una nuova espulsione.

https://www.ilgiorno.it



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -