Thailandia: attacco dei ribelli musulmani, 4 morti

Condividi

 

Thailandia – Circa 10 ribelli musulmani hanno attaccato un checkpoint di sicurezza nel quartiere Muang di Pattani martedì notte, uccidendo quattro persone e ferendone altre due. La polizia ha riferito che gli insorti hanno sparato e lanciato granate al posto di blocco nel villaggio di Ban Kolaebi a Tambon Pakaharang, che era presidiato da una truppa dell’esercito, 12 rangers e due volontari.

I sopravvissuti hanno detto che gli insorti, che avevano il viso coperto, hanno circondato il checkpoint, hanno aperto il fuoco ed hanno lanciato una bomba contro i militari che hanno risposto al fuoco per circa dieci minuti prima che gli insorti si ritirassero nel villaggio.



L’attacco arriva quattro giorni dopo che un uomo di 34 anni, sospettato di essere un ribelle musulmano, è entrato in coma dopo essere stato ricoverato in ospedale dopo un interrogatorio nel temuto campo militare di Inkayuth nella provincia di Pattani.

Secondo Sunai Phasuk di Human Rights Watch l’attacco potrebbe essere stato eseguito “per rappresaglia” per il caso. “Sono state uccise quattro persone, tra cui un sergente maggiore, due volontari della difesa e un abitante del villaggio”, ha detto il colonnello Thanawee Suwannarat.



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -