La sinistra sconfitta controlla Media, Magistratura e Banche. E’ regime!

Condividi

 

di Ornella Mariani

E’ Regime!!!!!

Sulla vicenda Sea Watch, si sono espressi:

il dott. Alberto Maria Picardi, Consigliere Corte di Appello di Napoli, rilevando che la qualifica di “nave da guerra” della motovedetta della G.d.F. è sancita dalle sentenze della Cassazione n. 31403 del 14.6.2006 e n. 9978 del 30.6.1987;

l’Ammiraglio della Marina Nicola De Felice: “Salvini non ha ragione, ha stra-maledettamente ragione…”;

il Politologo Edward Luttwak: “…In Italia evidentemente la legge è facoltativa… Questa signora tedesca era lì per caso con la sua barca? O ci è andata deliberatamente per prendere i migranti, in pratica alleata coi trafficanti che li hanno messo a bordo delle barche? In tacita alleanza con i futuri sfruttatori di questi immigrati…”;

il Popolo del buonsenso che, esigente una inchiesta a carico del GIP di Agrigento Alessandra Vella, ha censurato lo strapotere di ampi settori della Magistratura.

In proposito: vero è che essa è indipendente e che il Ministro dell’Interno non ha titolo a proporsene alternativo; ma vero è anche che essa non può abrogare di fatto le leggi dello Stato.

Al centro dell’Italia, arroventata dalle ingiustizie di una Giustizia non Uguale per Tutti, spicca una Sinistra che rende di giorno in giorno vero tutto e il contrario di tutto, discreditando la credibilità ed il decoro di un intero Paese.

La Politica è scaduta in picchi di inaccettabile volgarità che l’hanno svuotata di dialettica e colmata di odio teso a provocare lo scontro, attraverso il sistematico stravolgimento della realtà fino alla manipolazione degli eventi e del linguaggio.

Di più: molti Italiani esibiscono quell’inquietante lato oscuro che, a conferma dell’attitudine al servilismo, esalta la smania di trasformare Avventurieri e Fuorilegge in Eroi ed Assassini e Ciarlatani in Intellettuali.

Si spiegano, allora, la mitizzazione della violenza di Carlo Giuliani e la demonizzazione della esemplare dignità di Fabrizio Quattrocchi; la esaltazione del modello amministrativo Lucano;  l’indifferenza agli abusi sull’infanzia e lo scandalo delle adozioni; l’imprudenza di Mattarella nell’iscrivere tra i “33 eroi della Repubblica” una signora contro la quale emergono testimonianze sconcertanti; la solidarietà plateale ed univoca di qualche Parlamentare con la vocazione di Skipper.

E le centootto vittime della Katër i Radës, nel perdurare del Governo Prodi?

La storia si gioca sulla interpretazione evolutiva dei termini, forse: allora l’autorizzazione ad abbordare e affondare le imbarcazioni degli Albanesi in fuga da una sanguinosa rivoluzione si chiamò “pattugliamento”, mentre oggi “naufragio” e “traffico” e/o “clandestino” e “profugo” sono diventati sinonimi e l’opposizione alla aggressione africana si chiama Fascismo.

La realtà è altra: gli Albanesi non garantivano gli interessi di Soros e dei suoi Sodali.

Siamo al default politico, etico e culturale.

Per dirla tutta: quando una parte politica, ancorché elettoralmente sconfitta, dispone del controllo dei Media, della Magistratura, delle Banche e delle Scuole, è Regime.

Fra una vacanza e l’altra, vogliate prendere coscienza….

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -