Ong Sea eye, Malta: ‘No ingresso, pronti a usare la forza’

Il governo maltese ha disposto il divieto di ingresso della nave della ong tedesca sea-eye Alan Kurdi nelle proprie acque territoriali. La decisione è stata resa nota dalla Valletta dopo che l’imbarcazione, che venerdì scorso ha prelevato 65 clandestini, ha fatto stanotte rotta verso Malta, dopo aver stazionato a lungo al largo di Lampedusa.

Il governo, secondo quanto riferito dalle autorità maltese, ha autorizzato le forze armate a qualunque intervento sia necessario per far rispettare il divieto di avvicinamento entro le 12 miglia dalla costa nazionale.

Condividi