Mali: attacchi contro i Dogon, 38 morti. Villaggi e raccolti bruciati

Mali – Il governo ha comunicato che 38 persone sono state uccise e molte altre sono state ferite in attacchi contro due villaggi di etnia Dogon nel centro del Mali, dove vi è da tempo un’escalation di violenza.

Nessun gruppo ha immediatamente rivendicato la responsabilità degli attacchi, ma il Mali ha assistito a un’ondata di massacri avvenuti quest’anno tra le comunità etniche Dogon e Fulani (nomadi musulmani).

“Gli attacchi terroristici di lunedì sera hanno colpito i villaggi di Gangafani e Yoro … non lontano dal confine con il Burkina Faso: il bilancio provvisorio ufficiale è di 38 morti e numerose persone ferite”, ha detto il governo maliano in una nota.

“La difesa e le forze di sicurezza sono state inviate sul luogo per proteggere la popolazione e le loro proprietà e per rintracciare gli autori di questi attacchi”, ha aggiunto rivedendo verso l’alto un precedente bilancio di 14 morti.

Goundjou Poudiougou, un funzionario della comunità locale, ha detto che circa una dozzina di corpi sono stati contati in entrambi i villaggi. “Sono terroristi perché hanno ucciso e poi sventrato alcuni corpi e bruciato i raccolti“, ha detto Poudiougou.

Secondo altre fonti, i morti sarebbero piu’ di 40.

Gli insediamenti Dogon sono stati istituiti in questa regione dopo la decisione collettiva delle tribù di  spostarsi nel deserto piuttosto che abbandonare i loro dei ed essere costretti a convertirsi all’Islam. La comunità doveva anche stare in guardia contro i mercanti di schiavi, perché, in quanto miscredenti, erano obiettivi legittimi da prendere e vendere come proprietà.

Tra 400.000 e 800.000 dogani si trovano ora ai confini con Bukina Faso. Le tribù esotiche con le loro divinità di coccodrilli e serpenti sono diventate oggetto di rapporti antropologici e di una grande attrazione per i visitatori. Il turismo, tuttavia, si è praticamente prosciugato dopo la presa del primo ostaggio occidentale nel 2009 e la successiva ribellione del nord, portando via la principale fonte di reddito della regione.

Condividi