Orrore in Nigeria: in cinque giorni, 154 persone uccise e 9 rapite

Condividi

 

Almeno 154 persone sono state uccise in diversi attacchi in tutta la Nigeria, la scorsa settimana. Altre nove persone sono state rapite in incidenti separati, secondo quanto riportato da Newspaper. I vari attacchi sono stati confermati dalle agenzie di sicurezza o dalle famiglie delle vittime e sono stati compiuti da miliziani fra cui Boko Haram e presunti mandriani armati (i musulmani Fulani). PREMIUM TIMES elenca i vari attacchi segnalati in tutto il paese.

Domenica:  Il governatore Aminu Tambuwal di Sokoto ha partecipato al funerale di 25 persone uccise  dai banditi in un attacco . La presidenza ha annunciato la morte di “decine di persone” in vari attacchi compiuti in “tre comunità nell’area di governo locale di Rabah (LGA) dello stato di Sokoto”. Gli uomini aramti, che erano in gran numero, hanno fatto irruzione nei villaggi di Kalhu, Tsage e Geeri vicino a Gandi. Sparatorie indiscriminate sono andate avanti dalle 17:00 di sabato fino alla domenica mattina, dopo di che i banditi hanno portato via centinaia di mucche, pecore e altri oggetti di valore.



Inoltre , domenica, alcuni studenti della Plateau State University sono stati attaccati da presunti mandriani che hanno ucciso uno studente ed hanno violentato una ragazza.

In un incidente separato, una donna, Olawumi Adeleye, e il suo figliastro, Destiny Paul, sono stati rapiti sulla Airport Road, nella città di Osi, nello stato di Ondo. Si dice che le vittime siano state rapite da persone armate mentre andavano in chiesa, domenica sera. Secondo un membro della famiglia, i presunti mandriani hanno bloccato la strada con le mucche, costringendo le vittime, che erano in una macchina, a fermarsi. I due sono stati rapiti e portati in una destinazione sconosciuta. Un familiare ha detto che, dopo alcune ore, i rapitori hanno contattato il marito della donna chiedendo 10 milioni di riscatto.

Inoltre, sempre domenica, il Comando di Polizia dello Stato di Ebonyi ha confermato l’uccisione di due bambini nella comunità di Umuogoakpu-Ngbo, l’area del governo locale di Ohaukwu . Gli assalitori hanno attaccato la famiglia di Benjamin Oke ed hanno massacrato suo figlio di sette anni, Chinonso, e un  altro figlio di quattro anni, Chukwudi, davanti alla madre.

Il portavoce del comando della polizia di stato di Ebonyi, Loveth Odah, ha detto che due persone sono state arrestate.

martedì

Martedì, il Comando di polizia dello stato di Ondo ha arrestato un mandriano, che faceva parte della squadra che ha tentato di rapire il governatore di Osi nell’Area locale dello stato di Akure North.

Lo stesso giorno, uomini armati hanno fatto irruzione nella zona di Rigasa, della comunità di Kaduna e hanno rapito quattro donne tra cui una madre che allattava. La polizia, in seguito, ha detto che tutte le vittime, a parte la madre che allattava, erano state salvate.

Anche il capo del villaggio di Garin Labo, nella zona del governo locale di Batsari, nello stato di Katsina, è stato rapito verso le 13:00 circa, nella sua fattoria

mercoledì

I sicari hanno attaccato i viaggiatori sull’Ile-Ibadan Expressway dell’Ikire e hanno ucciso a colpi d’arma da fuoco un impiegato dell’Amekumosa West dell’Area locale dello Stato di Osun, Samson Adenipekun. La vittima stava viaggiando verso Ibadan. Uuomini armati hanno sparato alcuni colpi al veicolo, uno dei quali ha colpito il signor Adenipekun alla testa.

Inoltre, sempre mercoledì, la polizia dello Stato di Ekiti ha confermato la decapitazione di una donna a Ilasa Ekiti, l’area del governo locale dell’Ekiti East. Il funzionario addetto alle pubbliche relazioni della polizia nello stato, Caleb Ikechukwu, che ha confermato l’omicidio, ha detto che un sospetto è stato arrestato.

Lo stesso giorno, un tenente colonnello dell’esercito nigeriano e almeno altri 20 soldati sono stati uccisi quando gli islamisti di Boko Haram hanno attaccato una formazione militare nello stato di Borno.
Il 158° Battaglione della Task Force, nella zona del governo locale di Mobba, è stato attaccato dai terroristi mentre il paese celebrava il Giorno della Democrazia, il 12 giugno. Lo Stato islamico dell’Africa occidentale (ISWA) ha rivendicato la responsabilità dell’attacco.

giovedi

Uomini armati, nelle prime ore di giovedì, hanno rapito Abigail Gambo, la moglie del Presidente dello Stato del Congresso nigeriano del lavoro.

Anche Emeka Okoronkwo, amministratore delegato della compagnia Our Nation Bread, è stato rapito in casa sua, nella zona di Magami di Jalingo verso le 1:00 di giovedì.

Sempre giovedì, non meno di 70 persone sono state uccise da banditi che hanno attaccato otto comunità nell’area del governo locale di Shiroro nello stato del Niger.

Venerdì:

Almeno 34 persone sono state uccise quando i banditi hanno attaccato tre villaggi nel governo locale di Shinkafi nello stato di Zamfara. I villaggi colpiti sono Gidan Wawo-Katuru, Tungar Kaho-Galadi e Kyalido-Katuru. Secondo quanto riferito, gli aggressori arrivati in motocicletta, hanno dato fuoco a molte case e hanno sparato a tutti coloro che si trovavano davanti.

Mohammed Shehu, il portavoce della polizia a Zamfara, ha confermato l’attacco, ma ha detto che la normalità è stata ripristinata nei villaggi.



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -