Renzi ha lasciato al Pd 600mila euro di debiti

Condividi

 

Si chiude con 600.495 euro di passivo il bilancio del Partito democratico relativo al 2018. Il documento è stato approvato giovedì scorso insieme alla relazione del tesoriere Luigi Zanda. Ma i conti fatti non hanno niente a che vedere con l’attuale gestione guidata da Nicola Zingaretti, in quanto costituiscono piuttosto l’ultimo resoconto finanziario della segreteria Renzi.

Come scrive huffingtonpost.it –  c’’è da dire che l’eredità raccolta dall’ex tesoriere Francesco Bonifazi non è stata delle migliori, anzi. La guida di Pier Luigi Bersani aveva lasciato le casse del Pd con ben 10,8 milioni di passivo (una enormità rispetto ai 600mila di adesso) e tutti i problemi già noti ancora lì intatti, dall’elefantiaca macchina del Nazareno ai giornali ultra indebitati (l’Unità), o con risorse in esaurimento (Europa).



Toccherà ora a Zingaretti e Zanda provare a uscire da questo periodo buio. Il nuovo tesoriere si è già attivato per approntare un piano di rientro dal debito e, soprattutto, trovare una soluzione per il personale.

Infine, va completato il recupero delle somme non ancora versate dai parlamentari. A fine 2018, i crediti vantati dal partito nei confronti di deputati e senatori erano pari a ben 822mila euro. Già nei primi mesi dell’anno Bonifazi ha intrapreso il pressing nei confronti dei morosi, lavoro poi proseguito (con maggior discrezione, senza articoli sui giornali) da Zanda.



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -