Migranti, Salvini firma divieto d’ingresso. Ira della tedesca Sea Watch

Condividi

 

“Ho appena firmato il divieto di ingresso, transito e sosta alla nave Sea Watch 3 nelle acque italiane, come previsto dal nuovo Decreto Sicurezza. Ora il documento sarà alla firma dei colleghi ai Trasporti e alla Difesa: stop ai complici di scafisti e trafficanti!”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Su Twitter la ong Sea Watch ha replicato che “la Libia non è riconosciuta come porto sicuro a livello internazionale. Lo dicono la Missione ONU in Libia UNSMIL, l’agenzia ONU per i rifugiati UNHCR, la Commissione Europea e il Ministero degli Esteri. Se riportassimo i naufraghi in Libia, commetteremmo un respingimento collettivo: crimine per cui l’Italia è già stata condannata”. (ma non è vero, vedi articolo in bass, ndr)



Ricordiamo alla cosiddetta Ong e all’ONU le dichiarazioni, che ora vengono presumibilmente negate o dimenticate a convenienza.

Libia, Onu: l’Europa non sia ossessionata dai centri di detenzione per migranti, ce ne sono pochissimi

Libia, Onu: Europa non sia ossessionata dai centri detenzione per migranti, ce ne sono pochissimi



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -