Due donne ferite al collo con bottiglia rotta, caccia a un magrebino

Latina – Brutale aggressione nei confronti di due donne compiuta a Latina durante lo scorso sabato da uno straniero, il quale ha fatto poi perdere rapidamente le proprie tracce, sparendo nel nulla.

Secondo quanto riportato dalla stampa locale, i fatti si sarebbero verificati intorno alle 22:30, quando le vittime sono state avvicinate da un extracomunitario ubriaco, probabilmente di etnia magrebina, tra via Giulio Cesare e via Marchiafava. Le due, entrambe residenti a Latina, sono state fermate dal nordafricano, che avrebbe iniziato a molestarle pesantemente. Intimorite dallo straniero, in evidente stato di alterazione psico-fisica e con in mano una bottiglia di vetro rotta, non sono riuscite a reagire e ad allontanarsi prontamente dal posto.

Per cause ancora da chiarire, il magrebino le ha aggredite, utilizzando l’arma improvvisata e ferendole al viso ed al collo. Le urla delle vittime, che invocavano disperatamente aiuto, hanno messo in allerta lo straniero, che si è dato rapidamente alla fuga.

Rimaste a terra, le due ferite sono state assistite dai sanitari del 118, giunti con due ambulanze, e dal personale della polizia di Stato. Trasportate in codice rosso al Santa Maria Goretti di Latina, a causa delle profonde lesioni riportate, le loro condizioni al momento dovrebbero essere migliorate. Una delle due resta ancora sotto osservazione, mentre la seconda ha ricevuto una prognosi di 10 giorni, prima di venir dimessa.

Ancora in corso, come anticipato, le ricerche del responsabile.

www.ilgiornale.it

 

Condividi