Strage etnica in Mali: villaggio Dogon raso al suolo, 95 morti

Condividi

 

Almeno 95 persone nel villaggio di Sobane-Kou, abitato dal gruppo etnico dei Dogon, nel centro del Mali, sono state uccise nella notte tra domenica e lunedì da uomini armati. “Abbiamo 95 civili uccisi al momento, i corpi sono bruciati, continuiamo a cercare cadaveri“, ha detto un funzionario del comune di Koundou (distretto di Koro).

Il villaggio, che contava circa 300 abitanti, “è stato quasi raso al suolo”, ha detto una fonte di sicurezza confermando la cifra di 95 morti. Lo scorso marzo circa 160 persone di etnia Fulani furono uccise in una serie di attacchi nella regione centrale di Mopti. Secondo i funzionari locali gli autori dell’attacco erano membri di una milizia di etnia Dogon.



Secondo la polizia, che esclude un attacco jihadista ma si concentra sulla pista della faida etnica, ci sono una trentina di dispersi.  AGI

Gli insediamenti Dogon sono stati istituiti in questa regione dopo la decisione collettiva delle tribù di  spostarsi nel deserto piuttosto che abbandonare i loro dei ed essere costretti a convertirsi all’Islam. La comunità doveva anche stare in guardia contro i mercanti di schiavi, perché, in quanto miscredenti, erano obiettivi legittimi da prendere e vendere come proprietà.

Tra 400.000 e 800.000 dogani si trovano ora ai confini con Bukina Faso. Le tribù esotiche con le loro divinità di coccodrilli e serpenti sono diventate oggetto di rapporti antropologici e di una grande attrazione per i visitatori. Il turismo, tuttavia, si è praticamente prosciugato dopo la presa del primo ostaggio occidentale nel 2009 e la successiva ribellione del nord, portando via la principale fonte di reddito della regione.



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -