Roma, M5s fa guerra ai cocomeri: chiuso chiosco aperto da mezzo secolo

Condividi

 

Era aperto da quasi mezzo secolo ma ora rischia la chiusura: parliamo di Zeppetto, storico cocomeraro sulla via Tiburtina, a Roma. Stando a quanto ricostruisce la proprietà del celebre chiosco nell’area est della Capitale, il IV Municipio, a guida M5S, avrebbe revocato la licenza costringendo l’attività a chiudere i battenti.

“Una vicenda che sembra essere priva di qualsiasi logica – spiega la società -. L`attuale amministrazione non ha in alcun modo tenuto conto di un precedente provvedimento amministrativo del 2006 che spostava l’attività da un lato all’altro di via Tiburtina, rintracciando nel civico `655` luogo idoneo al suo svolgimento.Non essendoci stati cambiamenti lungo l’intero tratto urbano di via Tiburtina resta difficile capire quali siano le motivazioni alla base di tale decisione”. Lucia Proietti, attuale titolare della licenza, ha comunque annunciato ricorso al Tar. “In attesa del giudizio – si legge in una nota -,un’attività storica ben voluta da tutto il quartiere e che ha fatto parlare positivamente di sé per quasi 50 anni, quest’anno non riaprirà, arrecando malcontento non solo ai suoi clienti, ma a tutto il quartiere, privato di un luogo storico di socialità, senza considerare le difficoltà in cui rischia di trovarsi la famiglia, privata di un lavoro unica fonte di reddito, che con passione svolgeva da anni”.



Zeppetto venne fondato nel 1973 da Augusto Proietti, imprenditore nel commercio al dettaglio che, con la rivendita di cocomero, aveva intercettato il bisogno di un quartiere alla ricerca non solo di frutta, ma soprattutto di un punto di ritrovo che era ormai radicato e apprezzato nella zona.

www.secoloditalia.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -