Ong, nave Sea Watch infrange diffida del Viminale: è in acque italiane

Condividi

 

La nave Sea Watch 3 è appena entrata in acque italiane. L’imbarcazione della Ong, con a bordo 47 persone che annunciano di volersi togliere la vita, ha deciso di infrangere la diffida del Viminale e di superare le acque territoriali a circa 12miglia da Lampedusa.

GDF VERSO NAVE – Due mezzi della Guardia di Finanza stanno cercando di raggiungere via mare la nave Sea watch 3. Le imbarcazioni, come apprende l’Adnkronos, cercheranno di convincere l’imbarcazione della Ong a non avvicinarsi a Lampedusa. A seguire l’evolversi della situazione è anche il Procuratore aggiunto di Agrigento Salvatore Vella che ieri ha interrogato l’armatore e il capo missione della nave Mare Jonio che nei giorni scorsi è sbarcata a Lampedusa.



SALVINI – Ribadisce il suo no all’ingresso in acque italiane il ministro dell’Interno Matteo Salvini. “Abbiamo fatto sbarcare malati e bambini, ma resta il divieto assoluto alla Sea Watch3 di entrare nelle nostre acque territoriali” ribadisce. “Non cambiamo idea: porti chiusi per chi non rispetta le leggi, mette in pericolo delle vite, minaccia. Una Ong, peraltro straniera, non può decidere chi entra in Italia”. adnkronos



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -