Germania, ex capo Intelligence ammette: “almeno 13 imam erano spie turche”

Condividi

 

L’ex presidente dell’Ufficio federale per la protezione della Costituzione Hans Georg Maaßen ha detto che gli imam membri della DITIB stanno lavorando per l’intelligence turca.

Hans Georg Maaßen, ex presidente dell’Ufficio federale per la protezione della Costituzione, che ha lasciato il suo posto l’anno scorso, ha parlato con il settimanale online Focus di Focus online. Maaßen ha parlato delle questioni relative all’ordine del giorno in Germania e ha fatto una sorprendente confessione alla DITIB, l’organizzazione religiosa che funziona come la filiale tedesca del regime di Erdogan. L’ex capo dell’intelligence ha parlato della DITIB, l’Unione islamica turca degli affari religiosi che lavora sotto la direzione degli affari religiosi turchi con quasi 900 moschee in Germania e ha detto: “Si sapeva che erano impegnati in attività di intelligence e inviavano le informazioni raccolte alle Autorità turche “.



“I SERVIZI DI INTELLIGENCE DOVREBBERO SORVEGLIANTE LA DITIB”

Maaßen ha affermato che le attività di spionaggio degli imam turchi costituiscono un attacco contro la sovranità dello stato e ha continuato: “A mio parere, il punto di vista religioso ideologico di DITIB non è conforme nemmeno ai valori democratici. In quanto tale, l’Ufficio federale per la protezione della Costituzione dovrebbe monitorare da vicino questa organizzazione. Naturalmente la decisione in merito appartiene alla volontà politica “.

Il presidente e il vicepresidente di DITIB erano stati nominati direttamente dal regime di Erdogan lo scorso gennaio nel tentativo di tenere l’istituzione totalmente sotto il controllo di Ankara. Il sottosegretario ai servizi religiosi dell’ambasciata di Berlino, Kazim Turkmen, era stato nominato presidente della DITIB e servizi religiosi del consolato di Colonia. Ahmet Dilek era stato nominato vice presidente.

CHIUSURA DELL’INCHIESTA “AGENT IMAMS”

Dopo il tentativo di colpo di stato del 15 luglio 2016, il governo di Erdogan ha licenziato molti imam ritenuti membri della congregazione Gulen. Allo stesso tempo, gli amministratori e gli imam della DITIB sono stati selezionati con cura negli ultimi anni, prima di essere inviati in Germania.

All’inizio del 2017, quando il regime di Erdogan e il governo della Merkel si erano ritirati, era venuto alla luce che gli imam di DITIB lavoravano con il MIT in Turchia e che si erano impegnati nella propaganda di Erdogan con il pretesto di sermoni settimanali. All’epoca, l’Ufficio statale per la protezione della Costituzione della Renania settentrionale-Vestfalia individuò almeno 13 agenti imam e la polizia fece irruzione in diverse case. Ma dopo i negoziati con il regime di Erdogan, l’inchiesta contro DITIB è stata chiusa.

https://anfenglishmobile.com



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -