Moglie italiana segregata in casa per 2 anni e picchiata, egiziano “allontanato”

Condividi

 

Milano – Segrega la moglie in casa per due anni e la picchia per un aborto: “È colpa tua”. Non poteva uscire di casa se non per andare a lavorare. Non le era consentito utilizzare liberamente il cellulare e nemmeno internet ed era “prigioniera” in casa con il marito che si era trasformato nel suo carceriere pronto a picchiarla e minacciarla di morte. Brutta storia di violenza a Bernareggio, in Brianza, dove un uomo di 27 anni, egiziano, è stato colpito da un divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna e di allontanamento dalla casa familiare emesso dal gip del Tribunale di Monza.

Le minacce per un aborto – – Per due anni ha impedito alla moglie, una 43enne italiana, di uscire di casa, controllandola e minacciandola anche di morte. Pressioni psicologiche e violenze fisiche durate da giugno 2017 fino ad aprile 2019 per “punire” la donna, che l’uomo riteneva responsabile di un aborto spontaneo.



Il 27enne era convinto che per la perdita del bambino fosse colpevole la compagna. Insulti, offese e ingiurie dirette non solo alla donna ma anche alla sua famiglia. “Se parli ancora vengo a casa e riempio di botte te e la tua famiglia” e ancora “quando vengo ti spacco la faccia”.

Violenze e botte – – Non solo parole. L’uomo in più occasioni aveva aggredito la donna: a febbraio, quando la 43enne aveva scoperto alcuni messaggi che il marito si scambiava con un’altra donna, l’uomo l’aveva presa a calci e pugni, insultandola pesantemente. In un’altra occasione poi, di fronte ai documenti per la separazione, le aveva lanciato una mensola addosso, colpendola al braccio e le aveva puntato un coltello alla gola: “Ti sgozzo”.

L’escalation di minacce e violenze però non si è fermata qui. Ad aprile infatti l’uomo, di fronte al rifiuto della moglie di consegnarle il suo telefono, le ha messo le mani al collo, tentando di soffocarla. In quell’occasione la vittima era riuscita a salvarsi rifugiandosi in macchina dopo aver accusato un mancamento. Ma l’uomo l’aveva raggiunta anche qui: “Me la paghi, ti ammazzo”.

Stremata dalla paura e dalle violenze la donna proprio in quel momento ha chiamato i carabinieri che l’hanno raggiunta nell’abitacolo della vettura dove si è infine decisa a chiedere aiuto e a denunciare tutte le violenze per mettere fine a quest’incubo. Nei giorni scorsi è arrivato l’ordine di allontanamento per il marito.

www.milanotoday.it



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -