Papa lava piedi ai carcerati: “Errori passeggeri, siamo fratelli”

Condividi

 

Papa Francesco si è chinato a lavare i piedi di un gruppo di carcerati di Velletri, come vuole la tradizione della messa “in Coena Domini” del giovedì santo. I 12 detenuti sono provenienti da quattro diversi Paesi: 9 sono italiani, 1 brasiliano, 1 della Costa d’Avorio e 1 del Marocco. A Velletri è la quinta volta che Francesco celebrerà la Messa in Coena Domini in un carcere. Lo aveva già fatto a Casal del Marmo a Rebibbia, a Paliano e a Regina Coeli.

“Nella vita ci sono dei problemi, litighiamo tra noi, ma questa deve essere una cosa passeggera perché nel cuore nostro ci deve essere questo amore di servire l’altro”, ha detto Francesco durante la messa.



E aggiunge una cosa interessante: ”state attenti, i capi delle nazioni dominano, fra voi non deve essere così. Il più grande deve servire al più piccolo, chi si sente più grande deve essere servitore. E’ vero che nella vita ci sono dei problemi, litighiamo tra noi, ma questa deve essere una cosa passeggera perché nel cuore nostro ci deve essere questo amore di servire l’altro. E questo gesto che oggi farò sia per tutti noi un gesto che ci aiuti a essere più servitori l’uno dell’altro, più amici, più fratelli. Con questi sentimenti continuiamo la celebrazione con la lavanda dei piedi”.



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -