“Voglio tornare al mio Paese”, tunisino cammina sui binari: salvato dalla Polfer

Condividi

 

Lo straniero voleva tornare al suo paese. Un tunisino è stato sorpreso dagli agenti della Polizia Ferroviaria di Siena ad attraversare i binari della stazione. Informato immediatamente sui pericoli del gesto, ha gridato che della sua vita non gli importava ormai nulla, che la sua permanenza in Italia era senza futuro e voleva ritornare in Tunisia. L’uomo, raggiunto sui binari dalla pattuglia della Polfer è stato tranquillizzato e fatto spostare in sicurezza sul marciapiede, poco prima dell’arrivo del treno proveniente da Empoli.

Agli agenti, ha riferito di non sapere dove andare e che la notte da alcuni giorni, non avendo un alloggio, dormiva in ospedale. Lo straniero, Y.S di 38 anni, ha chiesto infatti espressamente di voler tornare in Tunisia. La sua Odissea era iniziata verso la fine del 2013, quando era emigrato in cerca di un futuro migliore. Nel mese di novembre di quell’anno, dopo aver attraversato il Mediterraneo a bordo dei barconi era sbarcato a Trapani.



All’arrivo in Italia, senza documenti, aveva dichiarato di essere cittadino siriano, per ottenere la protezione. Negli anni a seguire, aveva lavorato un po’ ma negli anni non era più riuscito a trovare un’occupazione e negli ultimi tempi aveva vissuto di espedienti. dormendo all’ospedale e di giorno e vagando tra il Centro Commerciale a Piazzale Rosselli e ai bagni della Stazione dove poteva lavarsi.

Lo straniero è stato poi accompagnato in Questura, dove la Polizia Scientifica ha effettuato tutti gli accertamenti sulla sua identità e successivamente all’Ufficio dove sono state avviate tutte le procedure per l’espulsione e l’accompagnamento alla frontiera per il rientro nel paese di origine.

Dopo gli accertamenti sull’identità, il tunisino è stato anche denunciato per aver violato il divieto di ritorno a Siena emesso dal Questore.

Al termine delle procedure, ha ringraziato i poliziotti della Polfer e dell’Ufficio Immigrazione, per averlo salvato e perché, finalmente, avrebbe potuto fare rientro nel suo paese di origine dove a suo dire, con l’aiuto di parenti ed amici potrà avere un futuro migliore.



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -