Padova: non gli rinnovano il contratto, 54enne si uccide

Condividi

 

PADOVA – Non ha lavoro, e si uccide con il gas di scarico. È successo il 6 marzo, in un’abitazione nella  zona di  via Fornaci. La vittima è un 54enne padovano disoccupato. Si è tolto la vita in una casetta per gli attrezzi inalando gas di scarico con un tubo e soffocandosi con una busta di plastica avvolta al capo. Ha lasciato uno scritto spiegando il gesto con motivi economici. Scientifica e vigili del fuoco sono sul posto.

Da dicembre la ditta di Mirano per la quale l’uomo lavorava come fabbro, non gli aveva rinnovato il contratto, e da allora non aveva più lavorato. Il 54enne viveva da solo in una porzione di trifamiliare. Una cugina andava a fargli visita ogni tanto ed è stata proprio lei a trovare il biglietto in cui l’uomo, poco prima di togliersi la vita con il gas di scarico dell’auto, dava indicazioni su dove l’ avrebbero trovato, sul funerale e sulla volontà di essere cremato.

Come scrive il Gazzettino, pare che da mesi l’uomo avesse allontanato altri parenti e amici, dimostrando una depressione crescente, culminata nel gesto estremo.

Si tratta del secondo suicidio in città nel giro di 24 ore. Ieri un imprenditore si è impiccato nella sua azienda a Vigonza, e a spingerlo sarebbe stata la crisi provocata dall’ e-commerce che lentamente avrebbe ridotto le entrate della sua impresa dedita alla rivendita di accessori di ricambio per elettrodomestici.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -