Ghana: ciclista italiano deriso e pestato da uomini armati di machete e coltelli

Condividi

 

foto Facebook

Malmenato e deriso da un gruppo di giovani in Ghana. E’ questa la disavventura che ha coinvolto l’italiano Ivan Bianconi. Il ciclista umbro, era partito da Foligno per compiere un viaggio in bicicletta in Sud Africa. Una deviazione dal percorso originario però gli sarebbe costata cara. In Ghana, l’uomo ha subito un’aggressione che gli ha provocato sfondamento del timpano e fratture a naso e piede. Bianconi sarà quindi costretto a portare il gesso per un mese e dovrà sottoporsi ad un intervento chirurgico per sistemare il timpano. A raccontare l’episodio è stata la pagina Facebook 9001 miles.
L’aggressione in Ghana

“Aggredito e malmenato da un gruppo di giovani armati di machete e coltelli. Per un’ora e mezza sono stato maltrattato, deriso e denigrato, tenuto ostaggio con la forza nei modi più selvaggi” si legge sul social. A porre fine alla follia è stato un uomo che è intervenuto dando poi rifugio a Bianconi. Quest’ultimo, ripresosi dall’attacco, si è recato alla Polizia per denunciare il fatto. Grazie ad una famiglia del posto e al supporto dell’ambasciata italiana, Bianconi è stato visitato prima in Africa e poi in Italia.

L’Africa non è pericolosa

“Mi sento fortunato a poter raccontare quello che è successo – dice Bianconi, che ammette che parte della colpa potrebbe essere dovuta ad una sua leggerezza -. Forse mi sono accampato troppo presto, rendendomi vulnerabile”. Il ciclista si è detto poi “dispiaciuto e incredulo per quanto è accaduto, ma sarebbe sbagliato far credere alla gente che è pericoloso viaggiare in Africa. Non è più pericoloso di quanto lo sia in Italia”.

https://www.notizie.it

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Diffamazioni a ImolaOggi
Armando Manocchia risponde
ai professionisti della mistificazione


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -