Sardegna, Coldiretti: allevamenti chiudono, in 10 anni un milione di pecore in meno

Condividi

 

“Sveglia alle 5 del mattino per la prima mungitura che sarà ripetuta nel pomeriggio per ottenere da ogni pecora circa un litro di latte al giorno che viene pagato 60 centesimi al litro, un’elemosina che non copre neanche i costi di allevamento e di alimentazione e spinge alla chiusura i 12mila allevamenti presenti in Sardegna”.

E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento all’inasprimento della protesta dei pastori, “esasperati da una situazione insostenibile”. “Si registrano assalti alle autocisterne che sono scortate da polizia e carabinieri, versamenti del latte in strada o in pasto ai maiali, ma c’è anche chi – sottolinea Coldiretti – ha deciso di trasformarlo in azienda e donarlo ai più bisognosi invece di svenderlo”.



La Sardegna – sottolinea la Coldiretti – è nel Mediterraneo la terra in cui è più alta la concentrazione di pecore: quasi due per ogni abitante, 2,6 milioni di animali con ben il 70% del territorio destinato al pascolo dal quale gli animali traggono alimento. Ma secondo la Coldiretti negli ultimi dieci anni in Italia è scomparso un milione di pecore per colpa di scelte industriali irresponsabili. “E senza pastori la Sardegna muore”, gridano gli allevatori.



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -