Di chi sono le riserve auree della Banca d’Italia? Rossi (Bankitalia): “Della BCE”

Condividi

 

A conferma di quanto detto da Maurizio Gustinicchi vi proponiamo l’intervista al DG di Banca d’Italia, Salvatore Rossi, per la quale ringraziamo il sempre ottimo Fausto S, Inriverente. Rossi è certo che questo oro, che è depositato in pare all’estero, è della Banca d’Italia , senza dubbio, e quindi della BCE perché abbiamo ceduto sovranita, secondo i trattati europei. Così dice Salvatore Rossi, anche se ci manca quest’ultimo passaggio, in quanto ci risultava che solo 100 tonnellate d’oro, su oltre 2400, sarebbero spettanti alla BCE.

Ecco l’intervista di Rossi, ma non è tutto:

Questa visione è confermata da un documento del 2014, ripreso da Rischio Calcolato,  in cui si parlava dell’ispezione fatta da tre senatori del Movimento 5 stelle, Francesco Molinari, Giuseppe Vacciano e Andrea Cioffi, che riuscirono ad avere un colloquio sul tema con Banca d’Italia riuscendo anche ad ispezionare la famosa “Screstia dell’Oro” dove parte di questo oro è conservata. Vi pubblico un estratto di quanto scrissero, all’epoca:

“LA DOMANDA DELLE DOMANDE: DI CHI È L’ORO
La risposta a questa domanda è stata netta, senza esitazioni e lo confesso, ci ha lasciato in parte perplessi, perchè avremmo voluto approfondire alcuni scenari che la risposta stessa apre.
L’oro è della Banca d’Italia. Non è dello Stato (e quindi dei cittadini) e tantomeno dei partecipanti privati al capitale, che sulle riserve non possono vantare alcun diritto (cosa che, unico elemento positivo, è stata specificata anche nel discusso decreto IMU – Bankitalia).
Ci è stato specificato che è impossibile per la stessa Banca disporre liberamente della Riserva dato che la stessa costituisce un presidio fondamentale di garanzia per la fiducia nel sistema Paese. Considerando però che la Banca Nazionale fa parte dell’Eurosistema, anche le riserve ne fanno parte e contemporaneamente garantiscono insieme a quelle degli altri Paesi europei il sistema stesso. “

Quindi l’Oro, secondo Banca d’Italia, è dell’Eurosistema, cioè della BCE.

Spero siate contenti….

scenarieconomici.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -