Attacco Strasburgo, testimoni: il terrorista ha urlato “Allah Akbar”

Alcuni testimoni hanno udito l’attentatore di Strasburgo urlare “Allah Akbar” al momento dell’attacco al Mercatino di Natale: lo ha detto il procuratore di Parigi. Inoltre, “quattro persone vicine” allo sparatore sono state fermate e si trovano in custodia cautelare, così sempre il procuratore di Parigi. Per fonti di stampa, tra i fermati figurano due fratelli di Chérif Chekatt, il sospettato della sparatoria.

Risulta tra i feriti più gravi il giornalista italiano rimasto coinvolto nell’attentato di ieri a Strasburgo che, secondo il bilancio della prefettura, ha fatto tre morti. A quanto si apprende, Antonio Megalizzi, giovane cronista di Europhonica, sarebbe stato raggiunto da un proiettile all’altezza della nuca. Nell’attentato sono rimaste ferite 13 persone e almeno otto di queste versano in condizioni molto critiche.

Intanto prosegue, senza sosta, la caccia all’uomo che ieri sera a Strasburgo, cuore dell’Europa e sede dell’Europarlamento, ha seminato il terrore e ridestato l’incubo terrorismo. Centinaia di membri delle forze di sicurezza sono impegnati nelle ricerche dell’attentatore in fuga, che ha aperto il fuoco al Mercatino di Natale allestito in città.  (askanews)

Condividi