Strage discoteca, ”spray usato per rubare una catenina”

Lo spray urticante all’interno della Lanterna Azzurra di Corinaldo, che probabilmente ha scatenato il fuggi fuggi generale al termine del quale 5 ragazzi e una donna sono morti, sarebbe stato spruzzato per rubare una catenina.

È quanto afferma il dj del locale, Marco Cecchini, che è anche il figlio di uno dei gestori. L’episodio è stato raccontato dalla vittima della rapina allo stesso dj poco prima che scoppiasse il panico nel locale.

Dagli accertamenti eseguiti dagli investigatori è emerso che la capienza dell’unica sala in cui si svolgeva l’evento era di circa 460 posti e che sono 680 i biglietti venduti per il concerto. Sono risultati 500 invece i biglietti staccati dalle matrici.

Condividi