Torino: in manette famiglia di pusher nigeriani, in casa scatoloni di aiuti umanitari

Condividi

 

Nella cantina dove nascondevano la droga, la polizia ha trovato scatoloni interi di aiuti umanitari con i pacchi che le associazioni consegnano ai bisognosi tutte le settimane. La famiglia nigeriana, controllata dagli agenti del commissariato Barriera di Milano, in via Brandizzo, viveva di tutt’altro: si manteneva con lo spaccio di cocaina.

Come riporta torino.repubblica.it, tra i pacchi di pasta e riso, infatti, gli agenti diretti dal vicequestore aggiunto Alice Rolando, hanno trovato 13.500 euro in contanti, frutto forse dell’attività di spaccio. In casa c’erano diversi grammi di cocaina.

I pusher sono una coppia di nigeriani con due figli di 3 e 5 anni. Era soprattutto la mamma ad occuparsi della consegna delle dosi di sostanze stupefacenti: incontrava i clienti anche quando era con i bambini, mentre li accompagnava a scuola o li riportava a casa dopo l’asilo. Il padre, invece, era già finito in carcere qualche mese fa sempre per spaccio ma poi era tornato libero.

Quando gli agenti sono entrati in casa, in via Brandizzo, hanno trovato televisori al plasma e altri oggetti di alta gamma poco compatibili con il tenore di vita che la coppia diceva di condurre quando faceva la coda per ottenere gli aiuti.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -