Trump fa partire i dazi, ira di Juncker: “Questo è protezionismo puro e semplice”

Condividi

 

I dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio da Ue, Canada e Messico entreranno in vigore a partire da domani. Lo ha annunciato il segretario al Commercio Usa, Wilbur Ross.

Inizialmente, Unione europea, Canada e Messico erano stati esentati dalla misura voluta dal presidente Donald Trump, che prevede dazi del 25 per cento sulle importazioni di acciaio e del 10 per cento sull’alluminio. L’esenzione era stata prorogata per tutto il mese di maggio, mentre proseguivano i negoziati tra la Casa Bianca e i suoi interlocutori internazionali.

DA MEZZANOTTE – L’annuncio che a partire dalla mezzanotte di giovedì i dazi entreranno in vigore anche per Ue, Canada e Messico è stato fatto alla stampa dal segretario al Commercio, che ha riferito che il presidente Usa ha deciso di “non estendere le esenzioni”.

Ross ha anche detto che Australia, Argentina e Brasile, che inizialmente avevano anch’essi ricevuto esenzioni temporanee, hanno acconsentito a “limitare il volume” delle loro esportazioni in cambio di esenzioni permanenti.

REPLICA UE – Immediata la replica del presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker: “Sono preoccupato per questa decisione. L’Ue ritiene che queste tariffe unilaterali statunitensi sono ingiustificate e contrarie alle regole del Wto. Questo è protezionismo puro e semplice”.

Gli Usa “non ci lasciano altra scelta se non procedere con un ricorso all’Organizzazione Mondiale del Commercio e con l’imposizione di dazi aggiuntivi su una serie di importazioni” da oltre Atlantico. “Difenderemo gli interessi dell’Unione, nel pieno rispetto del diritto commerciale internazionale”. ADNKRONOS

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -