Boldrini, comizio antifascista in chiesa con don Biancalani

Una volta chiuse quasi tutte le sezioni dei partiti comunisti in Italia, a personaggi come Laura Boldrini non resta altro da fare se non usare gli altari delle chiese per i propri comizi. E l’ospitalità per l’ex presidente della Camera non manca, soprattutto quando bussa alla porta del mitologico don Massimo Biancalani, parroco di Vicofaro nel Pistoiese.

Migrante ospitato in canonica da don Biancalani spacciava droga

Un altro “migrante” ospite di don Biancalani arrestato per droga

Una decina di giorni fa la Boldrini ha partecipato a un incontro politico nella chiesa del prete diventato famoso per le sue gite in piscina con i profughi che accudisce. Un gesto che ha irritato e non poco il vescovo locale, Fausto Tardelli, che da tempo chiede, senza riuscirci, a don Massimo di tenere la politica fuori dalle mura della chiesa.

don Massimo ha invece aperto le porte alla Boldrini accogliendola come un nuovo Messia. E lei ovviamente non si è fatta scappare l’occasione:

“Sono qui per dimostrare solidarietà a don Massimo e al messaggio che coraggiosamente porta avanti. Un messaggio – ha detto l’ex presidenta – di condivisione e di pace che è diventato oggetto di aggressione da parte di alcuni gruppi di ispirazione fascista come CasaPound e Forza Nuova, che pensano di intimidirlo con le loro manifestazioni assolutamente inconcludenti”.

Esaltato alla grande, don Biancalani ha abbracciato in toto la causa del boldrinismo: “Abbiamo bisogno di politici come te, che affrontino questo tema epocale con serietà e determinazione”.

A bacchettarla ci ha pensato il vescovo di Pistoia che, qualche giorno dopo il cominzio nella chiesa di don Biancalani, ha detto: “Monsignor vescovo esprime tutto il suo disappunto per l’accaduto e richiama i parroci alle loro responsabilità affinché cose del genere non abbiano a ripetersi né a Vicofaro, né in altre parrocchie della diocesi”.

www.liberoquotidiano.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -