Cercavano clandestini, trovano un carico di armi da guerra. Arrestato bosniaco

Gorizia – Un ingente quantitativo di armi è stato sequestrato dai carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Gorizia che hanno arrestato un cittadino bosniaco. Il 52enne era alla guida di un’auto sull’autostrada A34 al cui interno erano nascoste le armi. Sequestro ed arresto sono avvenuti nell’ ambito di pianificati controlli di Retrovalico, finalizzati al contrasto dell’immigrazione clandestina e ai traffici illeciti di merci.

Traforo Monte Bianco, Polizia ferma furgone con esplosivo: arrestato bosniaco

I militari hanno quindi fermato una Peugeot 206 con targa svizzera, proveniente dalla Slovenia, condotta da C. J.,bosniaco. L’uomo è stato bloccato poco dopo aver varcato il valico di Gorizia – Sant’Andrea, confine di stato con la Slovenia, poco prima dello svincolo di Gradisca d’Isonzo. Insospettitisi per l’incongruità delle dichiarazioni fornite dallo straniero in merito ai motivi del viaggio ed alla disponibilità del veicolo noleggiato in Svizzera, i carabinieri, a seguito di un prima ispezione, hanno trovato in un borsone nel vano bagagli, due pistole Beretta Fs semiautomatiche.

I militari hanno quindi condotto il bosniaco nella sede del comando provinciale dove è stata effettuata una perquisizione più accurata dell’auto e in un vano ricavato sotto il sedile posteriore e nell’area della ruota di scorta sono state rinvenute numerose armi da guerra alcune delle quali con matricola abrasa, perfettamente funzionanti e con relativo munizionamento. Si tratta di 2 pistole mitragliatrici Skorpio; 6 fucili mitragliatori Kalasnikov fabbricazione ex Jugoslavia; 1 carabina Cal. 22; 1 fucile a pompa; 1 gruppo ottico per fucile di precisione; 6 caricatori per pistola mitragliatrice Kalasnikov; 1 caricatore per pistola Beretta 92 FS; 6 caricatori per pistola mitragliatrice Skorpio; 2 silenziatori artigianali privi di matricola; 20 proiettili 7,65 Sb; 2 pistole Beretta 92 Fs.

La perquisizione personale del bosniaco ha portato al sequestro di due telefoni cellulari e di uno scontrino fiscale, rilasciato da un locale di Lubiana, a tergo del quale era indicato il tragitto e la verosimile destinazione finale del carico di armi, proveniente dalla Slovenia e destinato in Spagna, più precisamente a Barcellona. Anche l’auto utilizzata per il trasporto è stata sequestrata.

L’uomo è stato arrestato per i reati di porto detenzione e trasporto di armi clandestine da guerra, ed è stato portato presso la casa circondariale di Gorizia, a disposizione del pubblico ministero della locale Procura della Repubblica.

www.today.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -