Islam, figli costretti a pregare e frustati sulle mani: Pm chiede condanna esemplare

Torino – Frustati con il filo elettrico sui palmi delle mani, legati a una sedia per punizione, costretti a frequentare controvoglia una scuola araba a Torino, a svegliarsi all’alba per pregare, a non utilizzare Internet e Facebook, a portare il velo controvoglia.

Come scrive La Stampa, sono le violenze alle quali una coppia di egiziani, imputati a un processo per maltrattamenti a Torino, avrebbero costretto quattro dei loro cinque figli, tutti minorenni all’epoca dei fatti tra il 2011 e il 20015.

Il pm Dionigi Tibone ha chiesto condanna esemplare per il padre e la madre di questi giovanissimi. Cinque anni per lui, tre anni e sei mesi per lei.

«Gli imputati – ha spiegato il pm nel corso della requisitoria – non hanno ammesso l’errore. E questa mancanza di riflessione significa che non ci si è resi conto di ciò che è accaduto. Le tre ragazze sono distrutte. Non c’è spazio per le attenuanti generiche perché in questa vicenda sono stati “toccati” i diritti fondamentali dell’uomo e del bambino».

La difesa ha respinto le accuse, chiamando in causa una oggettiva difficoltà della famiglia ad adattarsi a culture del tutto diverse anche sul lato educativo: «Le testimonianze dei ragazzi – assistiti dall’avocato Emanuela Martini – sono discordanti e contraddittorie».

La sentenza è fissata per il 24 novembre, ore 9.

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -