Ue, Padoan: no a battere i pugni sul tavolo

“L’invito a sbattere i pugni sul tavolo. Non è questa la via maestra”, in Europa, “i risultati tangibili si sono ottenuti quando l’Italia dimostrava di essere qualcuno che fa, non qualcuno che chiede. Se un Paese dimostra di fare e ottenere risultati, in questi casi la fiducia dei partner aumenta. Altrimenti si cade nel vittimismo che dice Italia è trattata male sistematicamente, o c’è chi dice che c’è un complotto continuo contro l’Italia. Non è così. Si può andare avanti e lontano, certo con pazienza”.

Lo ha detto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan a Capalbio (Grosseto) in un incontro sull’Europa ieri sera a borgo Carige. Il ministro ha poi sottolineato che “il sistema bancario italiano deve convincersi che le sofferenze, sia pure con lentezza ma nella direzione presa con decisione, siano liberate.
Ciò serve ad accrescere il capitale di fiducia” in Europa, “indipendentemente da che lo dica la Bce”. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -