Forestali, Tar Abruzzo: la legge Madia viola la Costituzione

Aver accorpato il corpo dei forestali in quello dell’Arma dei carabinieri è un atto incostituzionale. La riforma voluta dal ministro della Pubblica amministrazione, Marianna Madia, rischia di essere spazzata via dall’ordinanza del Tar dell’Abruzzo dello scorso 9 giugno, pubblicata ieri. Ai giudici amministrativi si era rivolto il vice-sovrintendente Vincenzo Cesetti, oltre a 200 ricorrenti, che doveva essere trasferito come tutti i suoi tremila colleghi dai fortestali ai carabinieri.

I giudici hanno respinto la richiesta di annullare la legge Madia, ma ne hanno rilevato fondati i motivi di incostituzionalità presentati dal ricorrente e ha trasmesso gli atti alla Corte costituzionale per il giudizio di merito. Secondo i giudici, la legge Madia avrebbe violato “gli articoli 2 e 4 della Costituzione, e in particolare l’articolo 2, laddove non è stato rispettato il principio di autodeterminazione del personale del Corpo forestale nel consentire le limitazioni, all’esercizio di alcuni diritti costituzionali, derivanti dall’assunzione non pienamente volontaria dello status di militare; e dell’articolo 4, laddove il rapporto di impiego e di servizio appare radicalmente mutato con l’assunzione dello status di militare, pur in mancanza di una scelta pienamente libera e volontaria da parte del medesimo personale del Corpo forestale”.

I giudici, riporta il Fatto quotidiano, hanno sottolineato anche la “violazione degli articoli 76 e 77 comma 1 della Costituzione, laddove, in contrasto con la precedente tradizione normativa e quindi con i principi e criteri direttivi di delegazione, non è stato consentito al personale del disciolto Corpo Forestale di scegliere di transitare in altra Forza di Polizia ad ordinamento civile”.

liberoquotidiano.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -