Sindacato dei vigili del fuoco: “Bimbo morto soccorso in ritardo, colpa del numero unico”

La richiesta di intervento ai vigili del fuoco per salvare Leonardo Pecetto – il bambino di 10 anni annegato ieri pomeriggio a Bosio, incastrato sotto un masso nel fiume – è arrivata con 15 minuti di ritardo. La denuncia è del Conapo, il sindacato dei vigili del fuoco: “Dai dati in nostro possesso i vigili del fuoco sono stati allertati ben 15 minuti dopo che la richiesta di soccorso è pervenuta al numero unico di soccorso 112”.

Da tempo il sindacato dei vigili del fuoco si è dimostrato scettico sul funzionamento del numero unico che da qualche mese unifica – in linea con il resto d’Europa – tutte le forze dell’ordine e di pronto intervento: tutte le chiamate arrivano al centralino del 112 e poi vengono smistati dagli operatori.
“Ma quello che è successo conferma ancora una volta che i protocolli di allerta utilizzati dal numero unico 112 del Piemonte non funzionano e sono forieri di ritardi. I vigili del fuoco hanno il compito istituzionale del soccorso pubblico e vanno avvisati subito, sempre, per questo chiediamo di fare piena luce sui tempi di allerta nel caso di Bosio”, dice Claudio Cambursano, segretario piemontese del sindacato che chiede un’indagine su questo aspetto. Il bambino è stato trascinato nel torrente da un masso su cui era seduto a cavalcioni che si è staccato. Il peso della pietra lo ha portato con sé sott’acqua bloccandogli le gambe.

http://torino.repubblica.it

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -